Tipologia cantine

La cantina è il risultato di secoli di utilizzo/sfruttamento del territorio da parte dell’uomo: il luogo per eccellenza e di importanza per la conservazione e produzione di generi alimentari.

Si possono distinguere 4 tipologie di cantine:

  • Cantina- grotta. Ipogeo limitato alla sola grotta;
  • Cantina-grotta e cortile. Ipogeo formato da grotta e preceduto da un cortile;
  • Cantina-grotta con cortile e avancorpi. Ipogeo formata da grotta e preceduta da un cortile e da avancorpi in muratura fuori terra;
  • Cantina palazziata. Cantina grotta o scavata inglobata in edifici fuori terra.

 

Cantina- grotta. La cantina formata solo dalla grotta è la più semplice delle tipologie. E’ scavata nello strato di roccia arenaria o di conglomerato affiorante lungo i margini della collina, dove la pendenza dei gradoni è molto alta e lo spazio davanti alla porta d’ingresso limitato e quindi con accessibilità anche problematica.

In questo caso l’uomo ha scavato ambienti di dimensioni relativamente ridotte condizionate dalla compattezza della roccia e dalla facilità dell’accesso, all’interno dei quali conservava attrezzi da lavoro e generi alimentari di ogni sorta tra cui il vino e formaggio. Tale tipologia è presente soprattutto in alcune aree degli insediamenti di Grottole, Grassano, Pomarico, Irsina e Miglionico.

Cantina

 

Cantina-grotta e cortile. La seconda tipologia è rappresentata dalla cantina con cortile, che differisce dalla prima per la presenza di uno spazio, spesso molto ampio, antistante la grotta.  Questo spazio è circondato da una cortina muraria, costruita o a secco o con malta, con la pietra arenaria recuperata durante lo scavo della cantina-grotta o con conci di tufo. L’accesso al cortile è assicurato da un portone d’ingresso che rappresenta l’elemento di decoro, insieme alle finestre quando presenti, della facciata. Gli infissi si presentano sempre molto decorati, spesso con intagli anche di un certo interesse. Gli infissi sono realizzati con modalità tali da garantire l’areazione degli ambienti.

All’interno il cortile si presenta lastricato o con “chianche”, con la funzione di raccolta dell’acqua piovana, o con acciottolato, o, nei casi meglio conservati, con listelli di laterizi. Molte volte l’ammattonato non copre l’intera area del cortile, ma solo un camminamento centrale tra due aiuole laterali. Le aiuole, infatti, sono piccoli spazi verdi coltivati ad orto, con la presenza di alcune specie arboree comuni: il fico, l’alloro, il melograno etc.

Il camminamento in alcuni casi è sormontato da eleganti pergolati di uva da tavola, simili alle passeggiate coperte dei giardini delle ville aristocratiche.

In alcune cantine abbandonate si è riscontrata la presenza di piante officinali tra cui la ruta, coltivata nel passato per allontanare i topi. La presenza di cantine con cortile si registra soprattutto a Montescaglioso, Grottole e Grassano.

Nel cortile sono collocate alcune delle funzioni più importanti delle cantine: la cisterna, la fossa della calce, i palmenti, il camino per il riscaldamento delle vinacce, il pergolato, l’accesso alla cucina padronale.

Cantina 1

 

Cantina-grotta con cortile e avancorpi.

La terza tipologia di cantina è simile alla seconda, ma presenta elementi costituiti da costruzioni fuori terra che hanno il compito di proteggere gli ingressi alle grotte da frane, sgrottamenti e cadute di pietrame. Spesso hanno anche la funzione di monumentalizzare l’accesso agli ipogei e quando di notevoli dimensioni ospitano anche i palmenti, le calcare, le cisterne ed i forni annessi alle grotte. L’avancorpo può essere più o meno profondo o limitato solo ad un arco ed in qualche caso alla sola facciata in muratura. Nelle cantine più grandi e monumentali appartenenti alle famiglie nobili o ai feudatari, le costruzioni esterne ospitano piccole strutture residenziali destinate ad ospitare la famiglia dei proprietari in occasione di feste e ricorrenze che si usava in antichità celebrare direttamente in cantina, soprattutto nei caldi mesi estivi. Tale tipologia è presente soprattutto a Montescaglioso, Grottole e Grassano.

Cantine e avancorpi   Grassano

 

Cantina palazziata. 

L’ultima tipologia è costituita da ipogei presenti all’interno delle abitazioni, palazzi, castelli e monasteri. E’realizzata direttamente nelle fondamenta dell’edificio e contemporaneamente alla sua erezione. Molte volte se l’abitazione è contro terra, l’ipogeo si sviluppa nella parte addossata al pendio. Tale tipologia è presente soprattutto ad Irsina e Miglionico ma evidenzia strutture notevoli anche negli altri paesi del comprensorio ed in particolare all’interno di edifici imponenti come monasteri e castelli.

Cantina Irsina